IL FONDO PER L’ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA

Area Iscritto

Servizio di consulenza ai clienti

Numero Verde gratuito per l'Italia da rete fissa

800-994884

Dall'estero: 0039.041.5915049
Da cellulare a tariffa agevolata:199.285.005
Attivo 24 ore su 24, 365 giorni all'anno
Per tutte le prestazioni dell’Area Ricovero, è INDISPENSABILE contattare preventivamente
i numeri sopraindicati.


Fondo Sanitario Arcobaleno
Fondo per l’assistenza sanitaria integrativa

Sede legale: Via del Viminale, 43 - 00184 Roma
Tel. 06-4870634
Sede operativa: Via Piave, 7 - 30170 Mestre (VE)
Tel. 041/5330802 - Fax 041/5330883
C.F. 97372430583
www.fondoarcobaleno.it
info@fondoarcobaleno.it

Regolamento

 

> DOWNLOAD REGOLAMENTO

 

Art. 1 – Ambito di applicazione

Il presente Regolamento è redatto a norma dell’Art. 3 dello Statuto Sociale, e ne costituisce parte integrante, allo scopo di:

  • disciplinare i rapporti in essere ed in divenire tra il Fondo Arcobaleno e le Società partner chiamate ad erogare prestazioni sanitarie agli iscritti;
  • stabilire le modalità di interazione dei soggetti coinvolti (iscritti, familiari aventi diritto, beneficiari, aziende, soci promotori);

Le norme contenute nel presente regolamento sono vincolanti per tutti gli iscritti al Fondo.

 

Art. 2 – Organi del Fondo

Sono organi del Fondo l’Assemblea dei delegati, il Consiglio di Amministrazione, il Presidente, il Vice Presidente e il Collegio Sindacale. Per quanto concerne compiti, poteri, convocazioni e nomine si rinvia agli Art. 5 e successivi,  dello Statuto Sociale.

 

Art. 3 - Soci Promotori

Lo statuto del Fondo, pur non inserendo i “Soci Promotori” tra gli Organi del Fondo, regolamenta il ruolo delle Parti che hanno fondato ARCOBALENO.

Essi sono :la FILCA CISL Nazionale, la FILCA CISL Regionale del Veneto e la FILCA CISL Provinciale di Treviso.

Tuttavia, possono diventare Soci Promotori tutte le Strutture territoriali e regionali della FILCA CISL che possono vantare un numero di lavoratori iscritti al Fondo superiore a 500.

I tre Soci fondatori ed eventualmente gli ulteriori Soci Promotori che dovessero aggiungersi in futuro, potranno coadiuvare il fondo in alcune funzioni particolari (governance, amministrazione, promozione, gestione organizzativa, ecc…). Per questi ruoli, opportunamente previsti e delimitati dal Consiglio di Amministrazione del Fondo, saranno pattuiti dei compensi in forma forfettaria, calcolati o rimodulati ogni anno sulla base delle disponibilità di bilancio. Tali compensi saranno versati nell’anno di riferimento con una rateazione che non pregiudichi la liquidità del Fondo stesso.

I Soci Promotori potranno proporre al Fondo lo scioglimento dello stesso e tuttavia, nella eventualità di questa richiesta, sarà l’Assemblea del Fondo a decidere in merito.

I Soci Promotori avranno inoltre la possibilità di motivare al Consiglio di Amministrazione eventuali richieste di dilazione dei versamenti della contribuzione al Fondo, formulate da aziende o strutture del proprio territorio o Regione. In questo caso il Consiglio d Amministrazione deciderà con proprio insindacabile giudizio.


 

Art. 4 – Requisiti per l’iscrizione al Fondo

Sono titolari dell’iscrizione al Fondo coloro che hanno sottoscritto e fatto pervenire al Fondo stesso l’apposito modulo di iscrizione e siano in possesso dei seguenti requisiti:

 

  1. dipendenti di aziende in cui sia stato stipulato un accordo collettivo che preveda una forma di Previdenza Sanitaria Integrativa;
  2. dipendenti e/o operatori in aspettativa delle strutture sindacali nelle quali sia prevista la possibilità di iscrizione ad una forma di Previdenza Sanitaria Integrativa;
  3. familiari o membri del nucleo familiare, risultanti dalla dichiarazione sostitutiva dello stato di famiglia, dei soggetti di cui ai punti a) e b).

     

    Il Consiglio di Amministrazione del Fondo delibera in merito all’accoglimento, alla verifica e al recepimento degli accordi che prevedono l’adesione al Fondo.

    Nel caso in cui il Consiglio ravvisi elementi ostativi all’adesione comunica in forma scritta alle parti firmatarie degli accordi stessi il proprio motivato mancato accoglimento.

    I lavoratori aderiscono al Fondo per libera scelta individuale nel rispetto della normativa vigente e secondo la procedura prevista dalle norme operative interne.

     

    Il socio può prendere visione dello Statuto del Fondo, del regolamento e dei Piani Sanitari, reperibili nel sito internet www.fondoarcobaleno.it, presso la sede amministrativa, le sedi sindacali e gli operatori.

     

    Nei casi di sospensione del rapporto di lavoro o di assenza, in cui sussista il diritto ad un trattamento retributivo per periodi pari o superiori ad un mese, quali aspettative o permessi, a qualsiasi titolo, assenze per malattia o per maternità obbligatoria, sospensione dal lavoro con intervento della cassa integrazione guadagni, l’obbligo della contribuzione a carico dell’impresa non potrà variare per mantenere il diritto alle prestazioni. 

    L’iscrizione del lavoratore decade al momento della cessazione del rapporto di lavoro con l’azienda.

    Il C.d.A. può altresì deliberare l’esclusione dell’iscritto e dell’azienda in caso di inadempimento dell’obbligo contributivo e/o in caso di comportamento che possa recare danno al Fondo stesso.

     

    Art. 5 – Contributi / Quote mensili

    Il contributo dovuto al Fondo per ciascun iscritto è a carico dell’azienda nella misura stabilita dal relativo accordo collettivo/integrativo di riferimento. Detto contributo dovrà essere versato aI Fondo in rate mensili di importo costante, con i tempi e le modalità stabilite dal successivo art. 6.

     

     

    Relativamente al primo versamento per un “nuovo iscritto”:

    • le aziende inizieranno a versare le quote per i nuovi iscritti, indicandole mensilmente nelle rispettive buste paga, differentemente a seconda della data d’iscrizione: se questa è avvenuta nei primi 15 giorni, quindicesimo compreso, l’azienda verserà per l’intero mese mentre se avviene successivamente inizierà a versare da quello successivo. Ad es. per un iscritto il 10 novembre, l’azienda verserà entro il 15 dicembre una quota per l’intero mese di novembre indicata anche nella sua busta paga; per un iscritto il 20 novembre l’azienda dovrà versare entro il 15 gennaio la quota di dicembre.
    • Il nuovo iscritto avrà diritto alle prestazioni previste dal Piano Sanitario dal primo giorno del mese di  versamento ,da parte dell’azienda, delle terza quota mensile.
    • L’iscrizione al Fondo rimane sospesa fino al riscontro del versamento della prima quota mensile da parte dell’azienda.

     

    Nel caso in cui  una impresa o una struttura sindacale versi in ritardo la contribuzione prevista , il fondo si comporterà come segue:

     

    • Entro 10 giorni dal mancato versamento il fondo invierà un primo sollecito, invitando l’azienda o la struttura interessata a versare con sollecitudine gli importi di contribuzione previsti;
    • Qualora, entro un mese dal mancato versamento, l’azienda o la struttura  interessata non abbia ancora provveduto a bonificare gli importi previsti, il fondo invierà un secondo sollecito quantificando anche la rivalutazione monetaria e gli interessi di mora definiti successivamente dal presente articolo. Rivalutazione monetaria ed interessi di mora decorreranno dalla scadenza del mancato versamento;
    • Qualora l’azienda o la struttura interessata  non abbia provveduto al versamento della contribuzione entro due mesi dal mancato versamento, il fondo informerà i lavoratori interessati comunicando che le prestazioni erogate dal fondo verranno sospese con decorrenza immediata fino a quando l’azienda o la struttura interessata non avranno regolato la propria posizione. Rivalutazione monetaria ed interessi di mora decorreranno fino alla regolarizzazione dei versamenti;
    • Qualora le aziende o strutture sindacali risultassero inadempienti dopo tre mesi dal mancato versamento, il C. d A. del fondo valuterà se ricorrere ad uno studio legale per recuperare il credito vantato e i danni eventuali arrecati al fondo;
    • Eventuali richieste per dilazione di pagamento da parte di aziende o strutture sindacali potranno essere presentate al C. d A. del Fondo , esclusivamente tramite i soci promotori i quali dovranno correlare la richiesta con le specifiche motivazioni;
    • Gli importi della rivalutazione monetaria e degli interessi di mora di cui ai precedenti commi, sono quelli in vigore, previsti dalla legge.

    Relativamente all’ esclusione di un iscritto a norma dell’art. 3 si stabilisce che:

     

    • L’azienda è tenuta a pagare il mese corrispondente alla data di uscita effettiva dalla copertura assicurativa, per intero.
    • Per uscita effettiva si intende l’interruzione del servizio di assistenza sanitaria che avviene l’ultimo giorno di ogni mese per i nominativi segnalati dalle aziende entro il giorno 15 dello stesso.
    • Se l’eventuale dimissione dovesse essere comunicata successivamente, l’azienda/struttura è tenuta a versare le quote anche per il mese seguente.

     

    Il Fondo si fa carico di verificare la puntualità e la correttezza degli importi raccolti e di inviare i dati relativi alla compagnia assicuratrice.

     


     

    Art. 6 – Raccolta e trasferimento dati

    Entro e non oltre il giorno 15 di ogni mese le aziende dovranno inviare al Fondo, mezzo fax (041/5330883) o posta elettronica (alle caselle Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ), un tracciato excel contenente nome, cognome e codice fiscale degli iscritti mettendo in evidenza gli eventuali nuovi aderenti, al fine di permettere al Fondo di predisporre entro il giorno 20 del mese stesso, l’invio dei dati alla società assicuratrice.

    L’azienda si curerà altresì di comunicare tempestivamente, sempre nei modi sopraindicati, le eventuali dimissioni o esclusioni dei lavoratori. In caso di mancata comunicazione l’azienda dovrà provvedere ai pagamenti fino alla data in cui il Fondo farà decadere l’iscrizione del lavoratore.

     

    Art. 7 – Raccolta e trasferimento contributi

    Entro e non oltre il giorno 15 del mese di competenza, ciascuna azienda dovrà:

    • versare un importo pari al monte quote mensili (vedi art. 4) mediante bonifico bancario indicando nella causale la ragione sociale ed il mese di riferimento;
    • inviare copia della distinta o indicazione del numero di CRO del bonifico effettuato via fax o mail.

     

    Il conto corrente presso il quale effettuare l’accredito è il seguente:

    Banca Popolare Etica – filiale di Treviso

    C/C 513333   CAB 12000    ABI 05018    CIN   T

    Codice IBAN  IT81 T050  1812  0000  0000  0513 333

    Si ricorda inoltre che, per i versamenti dovuti a Casse integrative previdenziali ed assistenziali come in questo caso, e' dovuto all’inps il contributo di solidarietà pari al 10% degli importi versati. Il versamento del contributo di solidarietà deve essere versato con la denuncia contributiva relativa al mese nel corso del quale si verifica il versamento al fondo.

     

    Art. 7 Bis

    Le norme previste per le aziende verranno applicate con le medesime modalità alle strutture sindacali.

     

    Art. 8 – Prestazioni

    Il Fondo ha stipulato con la società Unisalute apposite convenzioni denominate -  Piano Sanitario iscritti Fondo Arcobaleno e piano sanitario per i dipendenti della FILCA CISL  - volte all’erogazione di prestazioni sanitarie, sia in forma diretta che rimborsuale, agli iscritti al Fondo. Il prontuario delle prestazioni nonché i massimali e le altre condizioni sono definite dai piani sanitari stessi. Per effetto di dette condizioni le coperture assicurative avranno scadenza alle ore 24 del 31.12 di ogni anno. Sarà cura del CdA attivare il rinnovo o le modifiche dei piani sanitari nei tempi utili alla più efficace e continua copertura assicurativa degli aventi diritto.

     

    Art. 9 – Rimborsi

    In caso di ricorso alle prestazioni previste dai piani sanitari iscritti Fondo arcobaleno e dipendenti della FILCA CISL, l’interessato dovrà far pervenire al Fondo Arcobaleno c/o Unisalute spa, via Del Gomito 1 – 40127 Bologna (BO) tutta la documentazione medica e tutti i giustificativi di spesa necessari ad una corretta e tempestiva liquidazione di quanto previsto.

    Per documentazione si intendono il relativo modulo debitamente compilato e firmato, i ticket o le eventuali ricevute/fatture di pagamento che attestano le spese sostenute per controlli, accertamenti o quant’altro richiesto dal medico curante, al fine di poter ottenere il rimborso che avverrà tramite bonifico bancario, direttamente dalla compagnia assicuratrice all’iscritto. Il termine massimo entro cui presentare domanda di rimborso ad Unisalute è pari a 12 mesi dalla data indicata nel ticket o nella ricevuta di pagamento: farà fede la data di invio.  


     

    Art. 10 – Adesione nucleo familiare

    I familiari, coniuge o convivente e i figli tutti risultanti dallo stato famiglia, possono essere inclusi al momento dell’iscrizione, a patto che il nucleo aderisca in toto, previa compilazione della scheda anagrafica e versamento delle relative quote annue che corrispondono a: per il piano sanitario arcobaleno a  € 90 per il coniuge/convivente e € 78 per ogni figlio; per il piano sanitario dipendenti FILCA € 144 per il coniuge/convivente e  € 120 per ogni figlio. 

    Tali quote, da dividersi per 12 mensilità, verranno detratte dall’azienda o dalla struttura sindacale dalla busta paga del lavoratore con le stesse modalità e scadenze usate per l’iscritto. E’ possibile raggruppare più quote mensili in un solo versamento ma solo previo accordo sulle procedure con il Fondo Arcobaleno che chiederà un impegno scritto.

     

    Se non effettuato al momento dell’iscrizione, l’inserimento dei familiari può essere effettuato alla fine dell’anno solare consegnando la scheda anagrafica familiari alla propria azienda o struttura sindacale entro il 15 dicembre di ogni anno.

    Nel caso in cui l’accordo collettivo preveda l’adesione del nucleo familiare, l’iscritto è tenuto a comunicare tempestivamente ogni variazione della composizione del nucleo.

     

     

    Art. 11 – Iscrizione di un socio

    La domanda di iscrizione al Fondo di un nuovo soggetto si effettua mediante la compilazione e la sottoscrizione dell’apposito “Modulo di Adesione”. La prima delle tre copie di cui detto modulo è composto, debitamente controfirmata anche dall’azienda, deve necessariamente e celermente pervenire in originale presso la sede amministrativa del Fondo in via Piave 7 – 30170 Mestre (VE) tramite l’azienda o l’operatore sindacale.

     

    Art.12 - Fondo Interventi Straordinari

    Il Fondo interventi straordinari, così come denominato all’articolo 18 dello Statuto, è un fondo rischi la cui alimentazione verrà decisa ogni anno dal Consiglio di Amministrazione del Fondo sia sulla base delle disponibilità di bilancio che rispetto ai criteri di utilizzazione definiti dallo statuto. In ogni caso, l’accantonamento annuo al Fondo Interventi Straordinari non potrà superare il 10%  della contribuzione annua.

    L’utilizzo del Fondo interventi straordinari potrà essere deciso solo dal Consiglio di Amministrazione del Fondo e dovrà riguardare esclusivamente la casistica esplicitata al comma 2 dell’Articolo 18 dello Statuto.

    Nel caso in cui il Fondo non dovesse più essere alimentato, le risorse accumulate e non utilizzate dovranno comunque essere destinate alla erogazione di prestazioni straordinarie per gli iscritti del Fondo.

    Pur garantendo la necessaria liquidabilità, le risorse accumulate nel Fondo Interventi Straordinari potranno essere in parte investite in Titoli di Stato a breve scadenza (non superiore all’anno), privi di rischio.   

     

    Art. 13– Altri aspetti gestionali

    Qualora il Fondo ricevesse contributi diversi da quelli destinati mensilmente all’assistenza sanitaria, questi dovranno essere evidenziati e gestiti con apposita contabilità separata.

    Il Fondo è tenuto a predisporre e conservare sempre aggiornati il libro dei verbali del C.d.A., delle Assemblee e del Collegio dei Sindaci.

    Per integrare o modificare quanto previsto dal presente Regolamento, il Fondo può predisporre apposite delibere.

     

    Art. 14– Testi di riferimento

    Per quanto non specificato nel presente Regolamento si rimanda a:

    -       Statuto Sociale Fondo Arcobaleno

    -       Piano Sanitario Iscritti Fondo Arcobaleno

    -       Guida pratica per l’iscritto Fondo Arcobaleno

     

    Servizio di consulenza ai clienti

    Numero Verde gratuito per l'Italia da rete fissa

    800-994884

    Dall'estero: 0039.041.5915049
    Da cellulare a tariffa agevolata:199.285.005
    Attivo 24 ore su 24, 365 giorni all'anno
    Per tutte le prestazioni dell’Area Ricovero, è INDISPENSABILE contattare preventivamente
    i numeri sopraindicati.

    Fondo Sanitario Arcobaleno
    Fondo per l’assistenza sanitaria integrativa

    Sede legale: Via del Viminale, 43 - 00184 Roma
    Tel. 06-4870634
    Sede operativa: Via Piave, 7 - 30170 Mestre (VE)
    Tel. 041/5330802 - Fax 041/5330883
    C.F. 97372430583
    www.fondoarcobaleno.it
    info@fondoarcobaleno.it